Questa mattina vago in casa, così. Con in mano una tazza di tè Russo, pantaloncini e calzettoni di lana, tentando di svegliarmi.

Questo silenzio, questo vuoto, questa pace mi mancavano.

Li assaporo.

Apro le finestre per salutare l’aria del mattino.

Respiro.

Fuori dalla finestra un gabbiano vola alto nel cielo prima di sparire oltre la mia testa.

E i miei sogni s’innalzano pian piano, stretti alle sue ali.

E penso che, a volte, basta guardare in alto per toccare il cielo trasportata dal volo di un gabbiano…

Annunci