relaxing © kokeicha 2010

relaxing © kokeicha 2010

Ultimamente mi rendo conto che le energie non mi bastano. Avrei bisogno di un break, una pausa, se fosse possibile partire, ma non per lavoro, partire per un altrove. Chiuso per ferie. Partire per ferie. Rigorosamente vicino al mare, sempre.

Stamattina uno strano dolore mi ha svegliato prima ancora che suonasse la sveglia; non erano ancora le sei, e il dolore poi mi ha accompagnato per tutta la mattinata. So che è solo un po’ di stanchezza accumulata, la settimana scorsa ho portato a termine un progetto importante, nel quale ho messo tutte le energie residue. Adesso, per recuperare, mi ci vorranno sole, mare, sorella, micia, amiche, buoni libri, alcol, cibo, jogging.

Domani è già giovedì, il week end sta arrivando. E me lo farò bastare.

Annunci

 

Chinese Glasses (Detail) © http://imnickle.deviantart.com

Chinese Glasses (Detail) © http://imnickle.deviantart.com

Penso spesso al futuro, pianificando, o almeno tentando di pianificare le cose. Prevedendo una serie di scelte, che spesso si compiono, portando man mano alla realizzazione di sogni e progetti. Non so bene quando ho iniziato, ricordo che a diciotto anni affidai la mia vita ad  un tiro di dadi. Oggi, invece, mi rendo conto che sono esattamente dove volevo essere, che a partire da quel tiro di dadi, ho costruito una strada, mattone dopo mattone, che mi porta ad essere oggi la donna che volevo essere.

E ogni volta che una scelta, un progetto, un desiderio si compie, ritrovo non la gioia di un evento compiuto, ma l’euforia di una nuova esperienza. L’avevo desiderato qualche tempo fa, avevo trovato connessioni, stimato i vantaggi professionali, considerato la crescita personale. Oggi l’ho fatto: mi sono iscritta ad un corso di portoghese.

Vamos com o portugués!

 

Travels © renegade-of-funk82

Travels © renegade-of-funk82

Partire, ultimamente, è sempre un po’ come tornare. Che sia in una direzione o nell’altra. Un tornare a casa, comunque.

Ma questa volta il mio rientro preannuncia un qualcosa di diverso: un nuovo trasloco. Un rientro temporaneo, prima di trovare una nuova dimensione, in una nuova città, con un nuovo lavoro e una nuova casa. Ci sarà una nuova quotidianità da reinventare e nuovi spazi di cui appropriarsi. Spazi cittadini che tendono all’infinito specchiandosi sulle onde del mare.

E così, per ora, resto in attesa. Aspetto che tutto si concretizzi, fingendo scetticismo e nonchalance per non pensarci troppo.

Apro la porta e in punta di piedi rientro, dopo il silenzio, dopo l’immobilismo, torno sulle pagine di questo blog con una voglia: scrivere!

Tanti cambiamenti, tante speranze, tanti progetti, uno in particolare da realizzare sulle pagine di questo blog. Per svago, e perché mi va.

*

Il risveglio [Dream © by lunariya]Dream © by lunariya

Lo aveva detto, qualche giorno fa, ricordo che lo aveva detto. Lo scrissi, che lo aveva detto, ne restano le prove. Chi è passato da qui ha letto che effettivamente lo aveva detto. Potevo averlo sognato, che l’avesse detto. In fondo il desiderio può giocare brutti scherzi. Soprattutto quando si fa intenso.

Eppure, oggi, lo ha ripetuto. Quindi non avevo solo immaginato… I biglietti sono pronti. Parto sabato. Iniziano le mie vacanze estive.

*

Ascoltando: Peter Von Poehl The Story Of The Impossible

 Smile © by The-Dragon-Of-Whi

Smile © by The-Dragon-Of-Whi

Strana la vita! Quando si è costretti all’immobilità sia essa psicologica, fisica o esistenziale sembra che il cervello lavori senza sosta producendo progetti a lunga e breve scadenza come raramente accade in circostanze normali.
E questa estate, dove l’immobilismo prevarica tutto, programmo una vita che per il momento è rimasta sospesa nel vuoto. Progetti di lavoro, di vacanze, semplicemente di vita per reimpossessarmi di ciò che con tanta fatica avevo costruito e che cause di forza maggiore mi stanno negando. Non c’è nulla di meglio della progettazione quando ci si trova nell’impossibilità di realizzare qualsiasi piccolezza.

E io progetto, organizzo, sperando che la vita presto riprenda a sorridere.

I'm Waiting For The Next Train

I'm Waiting For The Next Train

*

Si prospetta un lungo week end visto che qui, in Francia, il 21 maggio è festa e il venerdì tutti fanno ponte. C’è voglia di partire, non lontano, giusto il tempo di allontanarsi dalla metropoli, dimenticare il cielo spesso grigio e la confusione del traffico, lasciarsi alle spalle la metropolitana e avvicinarsi a contrade bucoliche, panorami mozzafiato, aria fresca e magari approfittarne per sentire ancora il rumore del mare. Ho un’improvvisa voglia di prendere il treno, per andare dove ancora non lo so.

Progetti per un lungo week end di passioni, magari condiviso tra passeggiate, fotografia e gastronomia.

Vedremo…

*

All rights reserved ©http://ilojleen.deviantart.com/